Jane Austen e la poesia: #worldpoetryday

Jane Austen e la poesia: #worldpoetryday

marzo 21, 2018 2 Di Letizia

Nelle trasposizioni cinematografiche di “Ragione e sentimento” e “Orgoglio e pregiudizio”, vengono citate molte poesie che in realtà non sono presenti nei libri.

Come questa poesia di Hartley Coleridge, con cui Marianne prende in giro Elinor, dicendole : “is love a fancy or a feeling, or a Ferras?”:

“Is love a fancy, or a feeling? No.It is immortal as immaculate Truth”

O il sonetto 116 di Shakespeare, il preferito di Marianne e Willuoghby:

“Let me not to the marriage of true minds
Admit impediments. Love is not love
Which alters when it alteration finds,
Or bends with the remover to remove:
O no! it is an ever-fixed mark
That looks on tempests and is never shaken;
It is the star to every wandering bark,
Whose worth’s unknown, although his height be taken.
Love’s not Time’s fool, though rosy lips and cheeks
Within his bending sickle’s compass come:
Love alters not with his brief hours and weeks,
But bears it out even to the edge of doom.
If this be error and upon me proved,
I never writ, nor no man ever loved.”

Nei romanzi, invece, Jane cita spesso Cowper, come nel terzo capitolo di “Ragione e sentimento”:

“Oh! mamma, com’è stata fiacca, com’è stata banale la maniera in cui Edward ha letto ieri sera! Ho patito molto per mia sorella. Eppure lei l’ha sopportata con molta compostezza, sembrava non accorgersene. Sono riuscita a stento a restare seduta. Sentire quei bellissimi versi che spesso mi hanno fatto quasi impazzire, pronunciati con una tale impenetrabile calma, con una così orribile indifferenza!”
“Avrebbe certamente reso più giustizia a una prosa semplice ed elegante. In quel momento l’ho pensato, ma tu hai voluto dargli Cowper.” che i gusti possono essere diversi. Elinor non ha le mie stesse emozioni, e quindi può passarci sopra, ed essere felice con lui. Ma mi avrebbe spezzato il cuore, se fossi stata io ad amarlo, sentirlo leggere con così poco sentimento.”
“Ma come mamma, se non riesce a scuoterlo nemmeno Cowper!”

William Cowper fu un famoso poeta inglese, figlio di un ministro della chiesa. Fin da piccolo soffriva di crisi depressive e passò due anni in manicomio. Le sue opere erano di carattere cristiano/moralista. Jane lo adorava, probabilmente perché anche lei era cresciuta in un ambiente ecclesiastico.

Altri poeti menzionati sono: Walter Scott, scrittore, poeta e romanziere scozzese. Considerato il padre del moderno romanzo storico. E George Crabbe , citato in Masfield Park:

“Come procede Lord Macartney? (aprendo un volume sul tavolo e prendendone poi degli altri). Ed ecco i racconti di Crabbe, e L’ozioso, a portata di mano per distrarti, se sei stanca del tuo librone”

Jane stessa scrisse delle poesie:

This little bag 
Miss Lloyd has now sent to Miss Green 
Happy the Lab’rer 
Oh! Mr. Best 
See they come 
On Sir Home Popham’s sentence 
To Miss Bigg previous to her marriage 
On the same occasion – but not sent. 
To the memory of Mrs. Lefroy 
Alas! poor Brag, thou boastful Game! 
My dearest Frank 
In measured verse 
I’ve a pain in my head 
On the marriage of Mr. Gell to Miss Gill. 
I am in a dilemma 
Between Session & Session 
When stretch’d on one’s bed 
Camilla, good humoured, & merry, & small 
When Winchester races first took their beginning

Anche se a mio opinione la prosa le riusciva di gran lunga meglio!

Nel film di Orgoglio e pregiudizio Elisabeth, cercando si arginare mrs.Bennet, dice :

“mi chiedo chi abbia scoperto che la poesia abbia il potere di scacciare l’amore”, Darcy obietta: “credevo fosse il nutrimento dell’amore” e lei ribatte: “ se l’amore è deciso e vigoroso può darsi, ma se è solo una vaga inclinazione, credo che un misero sonetto lo faccia morire di fame”.

Oggi tra dediche su Facebook, hashtag su Instagram e faccine su Whatsapp, credo che la poesia come nutrimento dell’amore sia un capitolo definitivamente chiuso.

Non ci resta che sognare, perse tra le pagine di Jane.